L'ametista - Longsquare
15619
post-template-default,single,single-post,postid-15619,single-format-standard,bridge-core-1.0.5,ajax_fade,page_not_loaded,,vertical_menu_enabled,qode-title-hidden,side_area_uncovered_from_content,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-18.2,qode-theme-bridge,disabled_footer_top,wpb-js-composer js-comp-ver-6.0.5,vc_responsive
ametista

L’Ametista

L’ametista è la varietà viola dei quarzi. Generalmente si trova all’interno di geodi nelle rocce, cavità chiuse sulle cui pareti interne spuntano cristalli.

I giacimenti principali di ametista sono Brasile, Bolivia, India, Russia, Messico, Stati Uniti e Italia.

La sua colorazione violacea è principalmente dovuta alla presenza di ferro quadrivalente. Ha una durezza piuttosto alta e può avere inclusioni di vario genere, in particolare bifasi, trifasi, inclusioni di cristalli e inclusioni strutturali come piani e linee di crescita e zonature di colore.

Apprezzata sin nell’antica Mesopotamia ed antico Egitto è stata una delle pietre più utilizzate per la creazione di gioielli. Si narra che, ai tempi dell’antica Grecia, una ninfa per scappare dalle troppe attenzioni del Dio Bacco chiese aiuto a Diana, che a sua volta la trasformo in un cristallo limpido. Bacco arrabbiato versò la sua coppa di vino sopra il cristallo conferendole il colore violaceo. Forse per questo per gli antichi era un eccellente rimedio contro gli effetti dell’alcool e del mal di testa.

Ecco gli ultimi tagli di questa favolosa pietra di Ametista: