Al2Be3Si6O18 ovvero: Acquamarina - Longsquare
15624
post-template-default,single,single-post,postid-15624,single-format-standard,bridge-core-1.0.5,ajax_fade,page_not_loaded,,vertical_menu_enabled,qode-title-hidden,side_area_uncovered_from_content,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-18.2,qode-theme-bridge,disabled_footer_top,wpb-js-composer js-comp-ver-6.0.5,vc_responsive
acquamarina

Al2Be3Si6O18, ovvero: Acquamarina

Il colore azzurro, azzurro-verdastro dell’Acquamarina è dovuto alla presenza di ioni ferro.

I giacimenti principali sono in Brasile a Minas Gerais, Russia, Madagascar, Afghanistan, Nigeria, Pakistan.

L’acquamarina è una varietà della famiglia dei berilli, è trasparente e presenta generalmente pochissime inclusioni interne, le più comuni sono formate da cristalli molto piccoli e da bifasi.

Storicamente i marinai credevano che la pietra potesse proteggerli dalla furia dei mari. L’acquamarina possiede un enorme potere calmante, lenitivo ed esalta la fiducia in sé stessi. 

Ha una durezza piuttosto alta ma ciò non toglie che sia anche fragile.